Bitcoin Forum
June 27, 2019, 01:09:39 AM *
News: Latest Bitcoin Core release: 0.18.0 [Torrent] (New!)
 
   Home   Help Search Login Register More  
Pages: « 1 ... 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 [460] 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 ... 602 »
  Print  
Author Topic: BITCOIN PUMP!  (Read 700203 times)
Neo_Coin
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 672
Merit: 166


"Be Your Own Bank"


View Profile
June 08, 2018, 03:54:59 PM
 #9181

Bhe vedendo i grafici e l'andamento di questi ultimi 4 mesi, chiaro che arriva al punto di rottura, senza mezze misure, crolla....a meno che non intervengono fatti nuovi.
Poi inutile lamentarsi della centralizzazione se non si è capaci di tenersi i propri Btc nel wallet (e non dico tutti...ma c'è un parte del proprio portafoglio che non andrebbe mai toccata).

Se vedo un quadro d'insieme sulla situazione attuale è che pochi stanno rovinando un mercato che era per molti.
Ma la colpa è di molti.
 Wink
E qui veniamo al punto vero. Bitcoin non può rimanere solo un oggetto di speculazione, di trading o di holding per diventare ricchi in tempo breve, o l'oggetto di coloro che si divertono con l'analisi tecnica o scrutano l'orizzonte o sentono il parere di altri per indovinare se va su o va giù.

Bitcoin e la Blockchain in fondo sono una idea geniale e innovativa che può rivoluzionare un sacco di cose che sono diventate troppo antiquate di questi tempi, deve evolvere tecnicamente per poter essere soprattutto usato per lo scopo per cui è nato: una moneta elettronica innovativa e decentralizzata con diffusione mondiale.

A proposito, a che punto è il Lighting Network? Strano, una idea così vincente... e non se ne sente più parlare?

- "Le decisioni giuste vengono dall'esperienza. L'esperienza viene dalle decisioni sbagliate".
1561597779
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1561597779

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1561597779
Reply with quote  #2

1561597779
Report to moderator
1561597779
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1561597779

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1561597779
Reply with quote  #2

1561597779
Report to moderator
1561597779
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1561597779

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1561597779
Reply with quote  #2

1561597779
Report to moderator
The most profitable cloud-mining from Siberia
Verified mining provider
No commissions
Everyday payouts
First payout in 1 hour
24\7 online support
Grab your
12% off
Sign Up
Advertised sites are not endorsed by the Bitcoin Forum. They may be unsafe, untrustworthy, or illegal in your jurisdiction. Advertise here.
1561597779
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1561597779

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1561597779
Reply with quote  #2

1561597779
Report to moderator
1561597779
Hero Member
*
Offline Offline

Posts: 1561597779

View Profile Personal Message (Offline)

Ignore
1561597779
Reply with quote  #2

1561597779
Report to moderator
[email protected]
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 376
Merit: 113


View Profile
June 08, 2018, 04:27:19 PM
Last edit: June 08, 2018, 04:46:13 PM by [email protected]
 #9182

Ln per quel che so procede...non ne sentiamo parlare perchè attualmente non serve.
Se e dico se, il problema delle fee torna alla ribalta sarà già tutto pronto e verrà sbandierato come arma vincente su tutte le testate.

Ma datemi retta, una percentuale del proprio portafoglio in Btc va messa da parte e dimenticata, anzi va incrementata nel tempo e ovviamente, questa parte non deve essere assolutamente un peso per le proprie finanze.
Altrimenti non ha senso, diventa anzi pericoloso.

Questo non esclude le Alt, gli investimenti e il trading...anche perchè è divertente, si guadagna e si imparano parecchie cose (almeno per me è così).

Oh manco a dirlo...
https://cointelegraph.com/news/data-shows-switch-from-hodlers-to-speculators-in-bitcoin-in-last-6-months
mattonebit
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 392
Merit: 130


View Profile
June 08, 2018, 04:47:23 PM
 #9183

Per la SEC Bitcoin non è una security
https://cryptonomist.ch/it/criptovalute/sec-bitcoin/

Se è vera è una gran bella notizia Wink
Neo_Coin
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 672
Merit: 166


"Be Your Own Bank"


View Profile
June 08, 2018, 05:02:32 PM
 #9184

Lighting network procede...

https://medium.com/@scidexer/increasing-bitcoin-privacy-using-the-lightning-network-or-how-to-delete-the-origin-of-your-bitcoins-3c611d072e40

- "Le decisioni giuste vengono dall'esperienza. L'esperienza viene dalle decisioni sbagliate".
Neo_Coin
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 672
Merit: 166


"Be Your Own Bank"


View Profile
June 08, 2018, 05:10:49 PM
 #9185

L'articolo in italiano:   https://it.cointelegraph.com/news/bitcoin-set-to-challenge-downtrend-in-next-couple-of-days-says-fundstrat-advisor

- "Le decisioni giuste vengono dall'esperienza. L'esperienza viene dalle decisioni sbagliate".
Paolo.Demidov
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 532
Merit: 244


View Profile
June 08, 2018, 06:17:43 PM
 #9186

....


Solo la "fiducia" e i venti buoni o non buoni che portano le notizie... non è che sia una gran cosa.


Per me in un mercato sano non condizionato solo dalla speculazione è ancora l'elemento determinante per la domanda, e quindi del prezzo.


Sarebbe auspicabile che oltre alla fiducia, ci fosse un valore.

Bitcoin un valore lo ha già, la sua infrastruttura, seppur decentralizzata;
ma senza normativa la sola fiducia è un po' poco... ci vorrebbe il sigillo di una tutela normativa;
normativa che a molti non piace perché sicuramente imporrebbe dei doveri, ma darebbe anche dei diritti,
e delle sicurezze, magari anche dei vantaggi...

Fattori imprescindibili se si volesse, come molti si augurano che Bitcoin potesse essere una sorta di riserva di valore.

Come diceva Battisti, lo scopriremo solo vivendo...

...è difficile competere in quei sistemi dove ci sono più ladri che cose da rubare
Paolo.Demidov
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 532
Merit: 244


View Profile
June 08, 2018, 06:37:44 PM
Last edit: June 09, 2018, 12:30:44 AM by Paolo.Demidov
 #9187


Entro a gamba tesa per condividere un pensiero:)
dato che ho da poco "scoperto" bitinfocharts e mi sto perdendo a leggere numeri...


Per contestualizzare il tutto: più volte qui è stato sottolineato (es da @Paolo_Demidov) quanto a tutti gli effetti il mercato sia piccolo, in termini di volumi se comparato ad altri, e soprattutto in termini di effettivi indirizzi/individui che vi partecipano
più volte pure si parla di grossi investitori e whales che influenzano il prezzo / controllano il mercato

Non mi ero però mai effettivamente reso conto dei numeri effettivi anche in termini di centralizzazione della ricchezza, altro che distribuzione paretiana!

Partendo dalla premessa che sono pure numeri sovrastimati in quanto ad un individuo possono appartenere più indirizzi:
https://bitinfocharts.com/top-100-richest-bitcoin-addresses.html
87% dei btc sono detenuti dallo 0.67% degli indirizzi
o anche: il 95% dei btc che esistono sono in mano a mezzo milione di individui
i 5/600.000 btc di volume giornaliero nel mercato, sono "whales" o sono lo 0,1% delle coin totali detenute nel 90% degli indirizzi, che cambiano di mano? e quindi chi-come può "più semplicemente" influenzare il prezzo?

sbaglio io a leggere i numeri o sbaglio a pensare che siano percentuali assurde?
più o meno i valori sono simili per le altre crypto.....



Il quote qui sotto è da un post di qualche mese fa, metà provocazione metà pensiero filosofico/utopico.... nel titolo scrivevo "bugia del mercato decentralizzato".... questi numeri mi fanno pensare che davvero tanto decentralizzato non sia e quindi, di cosa stiamo parlando se quel mercato che analizziamo oltre ad essere piccolo, è caratterizzato da queste percentuali?

- cut-
Arrivo a questo assunto perchè nella mia testa dato un prezzo del bitcoin determinato esclusivamente da domanda ed offerta, considero una mezza verità definire il mercato "decentralizzato", ovvero mercato senza un ente centrale che stabilisce a priori il prezzo.

L'altro modo di vedere le cose può essere il seguente: la massa è in grado di ragionare da singolo individuo (teoria dei giochi, bene superiore-collettivo), il mercato è suddiviso tra individuo A, offerta, possessore di bitcoin, e individuo B, domanda, non ha bitcoin o vuole comprarne ancora.
Il mercato è di fatto centralizzato, questi due individui decidono quale sia il prezzo dei bitcoin in base a ciò che reputano conveniente per entrambi
--
.... deduciamo che chi ad oggi possiede i bitcoin può (potrebbe) deciderne il prezzo.
-cut-


Ci sarebbe da portare un leggero correttivo,
in considerazione che i wallet più grandi sono i cold wallet dei più grandi exchange,
rappresentativi di più persone.

Ma più o meno... da considerare che fino a poco tempo fa i wallet sopra i 100.00BTC erano solo 2,
sono 3 e come si può vedere, stanno per diventare 5 a breve.

E' chiaro da questi dati che di Bitcoin si parla molto, ma poi in concreto non sono tanti quelli che si sono addentrati a possedere un wallet.

Probabilmente tramite broker di CFD, opzioni, altri derivati,  la piccola e media speculazione su Bitcoin è più diffusa,
ma non si è tradotta nel concreto in persone che hanno deciso di "investire" direttamente, creandosi un proprio wallet.

Si capisce bene che il mondo cripto è diviso in due:
moltissimi con micro investimenti
pochissimi con grosse quantità


Da questa semplice considerazione si può comprendere che le notizie, belle o brutte,
influiscono estremamente poco, almeno per Bitcoin e per le cripto principali che hanno le quota di mercato più grandi.

Ne deriva poi il fatto che essendo un mercato piccolo, concentrato in poche mani e ulteriormente concentrato geograficamente verso i paesi asiatici, Giappone in testa... e volendo avere un approccio più consapevole e meno affidato alla " speranza che un giorno... "
andrebbe considerato un rischio specifico, un rischio paese... rischi quasi per niente eliminabili facendo un portafoglio di criptovalute; un comparto in cui la diversificazione è quasi impossibile allo stato attuale.

Breve note sui maggiori rischi possibili:
http://www.schroders.com/it/sysglobalassets/digital/insights/pdfs/le-tipologie.pdf


...è difficile competere in quei sistemi dove ci sono più ladri che cose da rubare
Plutosky
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 574
Merit: 363


View Profile
June 08, 2018, 07:50:29 PM
 #9188




Solo la "fiducia" e i venti buoni o non buoni che portano le notizie... non è che sia una gran cosa.

Se vogliamo dare un peso alla notizia delle banche italiane in consorzio per sviluppare processi con tecnologia blockchain... beh... la visione potrebbe non essere positiva, perché ( mia lettura ) è il tentativo di andare oltre le cripto correnti.

Di tutti i... "team a lavoro", non ne è stato preso in considerazione ( quasi ) nessuno e molte entità istituzionali, stanno procedendo a sviluppi personali.

Se io fossi una pasticceria, la leggessi che la gente si sta organizzando per imparare a farsi le torte in casa... non sarei molto contento.


Le blockchain private e quelle pubbliche (basate su token e mining) hanno caratteristiche e finalità molto diverse, e non è detto che  debbano farsi per forza concorrenza anzi è presumibile che, se entrambe avranno successo, potranno convivere  in futuro così come oggi coesiste Internet accanto alle LAN private.

In ogni caso, se le blockchain pubbliche hanno ancora molto da dimostrare rispetto agli annunci fatti, quelle private hanno praticamente ancora tutto da dimostrare visto che secondo molti, compreso me, sono  spesso dei cloni di database distribuiti con un pò di infarinatura di crittografia e una bella iniezione di fuffa da marketing.

Ad esempio è indiscrezione di questi giorni che R3, il più grosso consorzio di banche e aziende per finanziare l'uso di blockchain (permissioned e private) sia a corto di denaro nonostante negli ultimi anni abbia raccolto finanziamenti per oltre 100 milioni di dollari.

http://fortune.com/2018/06/07/blockchain-firm-r3-is-running-out-of-money-sources-say/

Non tenete in euro più soldi di quelli che siete disposti a perdere.
www.bitcoinedintorni.org
Neo_Coin
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 672
Merit: 166


"Be Your Own Bank"


View Profile
June 09, 2018, 05:20:47 AM
 #9189

Price Analisis giugno 2018:

https://cointelegraph.com/news/bitcoin-ethereum-ripple-bitcoin-cash-eos-litecoin-cardano-stellar-iota-price-analysis-june-08

- "Le decisioni giuste vengono dall'esperienza. L'esperienza viene dalle decisioni sbagliate".
Neo_Coin
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 672
Merit: 166


"Be Your Own Bank"


View Profile
June 09, 2018, 12:05:30 PM
 #9190

Qualcuno ci sta pensando...  Grin Grin


- "Le decisioni giuste vengono dall'esperienza. L'esperienza viene dalle decisioni sbagliate".
Neo_Coin
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 672
Merit: 166


"Be Your Own Bank"


View Profile
June 09, 2018, 03:01:30 PM
 #9191

Chi detiene davvero i Bitcoin?   Shocked Shocked

https://www.irishtimes.com/business/financial-services/bitcoin-who-really-owns-it-the-whales-or-small-fry-1.3523990

- "Le decisioni giuste vengono dall'esperienza. L'esperienza viene dalle decisioni sbagliate".
Paolo.Demidov
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 532
Merit: 244


View Profile
June 09, 2018, 04:03:29 PM
 #9192


Le blockchain private e quelle pubbliche (basate su token e mining) hanno caratteristiche e finalità molto diverse, e non è detto che  debbano farsi per forza concorrenza anzi è presumibile che, se entrambe avranno successo, potranno convivere  in futuro così come oggi coesiste Internet accanto alle LAN private.

In ogni caso, se le blockchain pubbliche hanno ancora molto da dimostrare rispetto agli annunci fatti, quelle private hanno praticamente ancora tutto da dimostrare visto che secondo molti, compreso me, sono  spesso dei cloni di database distribuiti con un pò di infarinatura di crittografia e una bella iniezione di fuffa da marketing.

Ad esempio è indiscrezione di questi giorni che R3, il più grosso consorzio di banche e aziende per finanziare l'uso di blockchain (permissioned e private) sia a corto di denaro nonostante negli ultimi anni abbia raccolto finanziamenti per oltre 100 milioni di dollari.

http://fortune.com/2018/06/07/blockchain-firm-r3-is-running-out-of-money-sources-say/



Tutti i progetti blockchain hanno da dimostrare se sono validi o meno.

Il fatto però è uno, Bitcoin et similia, sono di tutti e non sono di nessuno.

Prendiamola lato miner; se domani per convenienza, per un cataclisma, per una guerra,
qualcuno perde il suo costoso hardware... fatti suoi, se ne va con tanti saluti, una stretta di mano
e la scatola omaggio del Monopoly.

Esiste una associazione, vera e seria, che tutela i minatori?
esiste una legislazione diritti/doveri?

È come se io voglio fare una centrale elettrica, guadagno fino a quando mi conviene, quando non mi conviene più lascio tutti al buio, perché mi gira così.

Sappiamo invece tutti, che chi gestisce qualcosa di alto valore e d'interesse pubblico: servizi sanitari, smaltimento rifiuti, produzione energia, ecc...
...deve interagire con i governi, le autorità locali, ecc... ecc...

Perché se è giusto dare possibilità e guadagni agli imprenditori, dall'altra bisogna avere una tutela per attività che sono di interesse pubblico.
Le grandi concessioni: io investo e tu mi garantisci il mio guadagno, io ti garantisco continuità e qualità di servizio.

In Bitcoin e nel mondo cripto attuale tutto questo non c'è, siamo né più e né meno al codice d'onore dei pirati con tutto quello che ne è venuto fuori.
In primis il fatto che bisogna usare sistemi complicati e scomodi wallet per la conservazione che limitano l'uso e la facilità d'uso e quindi la diffusione; perché i Bitcoin & Co. sono come le monete nel deposito di Zio Paperone, sono del primo che se le piglia.
I paper wallet seguono pari pari il concetto piratesco del: nascondo il forziere con i dobloni d'oro, ma mi faccio la mappa per ritrovarli.

Nonché un sistema di prudenza verso gli exchange, nessuna persona di buon senso accorta, lascerebbe milioni in criptovalute su un exchange, anche noto, non si sa mai...

Nonché vivere un po' con il patema d'animo che ci sia un crollo delle quotazioni... perché ovviamente l'eccesso di ribasso e l'eccesso di rialzo non sono affatto controllati... non esiste nessun limite.
Bitcoin e l'intero mondo cripto, è stato, ed è oggetto, della più feroce e sfrenata speculazione, di tutti i tipi.

Meno male che Bitcoin si basa sulla fiducia...  Roll Eyes
...se si basava sulla sfiducia, c'era la terza guerra mondiale.


Il mondo istituzionale fino ad ora non ha normato, molti hanno esultato, ma... dicevano i latini, dividi et impera, probabilmente lo hanno fatto deliberatamente nella speranza che il sistema si autodistruggesse, come un vecchio capitano la cui ciurma si sia ammutinata ed aspetta che la nave se ne vada contro gli scogli, alla deriva senza governo. Per recuperare quel che c'è da recuperare e ripartire.


Si è fatto il facile e banale assioma: decentralizzazione = deregolamentazione.

Come si può pensare di aumentare o stabilizzare un valore senza regole ?

Per inciso, qual è la fetta di mercato più grande per Bitcoin ? quello Giapponese; Giappone il primo paese a dare un riconoscimento ufficiale e un minimo di regolamentazione.


In Italia c'è una bellissima cosa che andrebbe studiata pesantemente nelle scuole dell'obbligo,
in maniera approfondita, si chiama Codice Civile. Da sottolineare civile.
Una cosa che la legge obbliga a seguire, ma che in fondo nessuno conosce.

Già questo darebbe al sistema paese, la possibilità di vivere meglio e di capire meglio le nuove opportunità.
Ma sarebbe troppo bello, le masse che sanno troppe cose hanno fatto sempre paura, allora è venuto il sistema attuale, la cui base di ragionamento è il sotterfugio, la furbata, le lobby...

Un sistema che si basa e mantiene un livello di sottosviluppo ed un modo di vivere povero e misero.

Dalla prestazione 5 con fattura a 1 a nero, scontrini non battuti, posteggiatori abusivi... e su su fino alla corruzione e la mafia.


Speriamo che le cripto, siano un punto di partenza da cui le persone vogliano prendere più coscienza; dubito altamente.


Sia bene inteso, tutto questo, parere mio personale.


EDIT: riflessione a voce alta
dovrei parlare di cose più semplici e brevi, tipo dire che un certo tizio, CEO di chissà quale azienda importante,
ha detto che nel 2023 il Bitcoin arriverà a $ 100.000 e nel 2028 a $ 500.000.




...è difficile competere in quei sistemi dove ci sono più ladri che cose da rubare
Plutosky
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 574
Merit: 363


View Profile
June 09, 2018, 05:19:36 PM
Merited by Vinsneuve (1)
 #9193



Tutti i progetti blockchain hanno da dimostrare se sono validi o meno.


La rete bitcoin esiste da quasi 10 anni in cui ha funzionato ininterrottamente (ad eccezione del bug del 15/08/2010) movimentando l'equivalente di miliardi di dollari. Nonostante sia una rete ad accesso completamente pubblico in questi dieci anni non è ad oggi mai stata hackerata (a differenza di qualsiasi altro sistema finanziario tradizionale). E' nata negli ambienti cypherpunk e senza alcuna ICO, di fatto a costo iniziale di rilascio quasi pari a zero (come un altro progetto opensource come Linux). Mi pare ci sia un pò di differenza tra questo risultato e quello delle blockchain private che finora, salvo rarissime eccezioni, hanno soprattutto  dilapidato fondi di chi ci ha investito senza risultati realmente tangibili.


Quote
Il fatto però è uno, Bitcoin et similia, sono di tutti e non sono di nessuno.

Prendiamola lato miner; se domani per convenienza, per un cataclisma, per una guerra,
qualcuno perde il suo costoso hardware... fatti suoi, se ne va con tanti saluti, una stretta di mano
e la scatola omaggio del Monopoly.

Esiste una associazione, vera e seria, che tutela i minatori?
esiste una legislazione diritti/doveri?

È come se io voglio fare una centrale elettrica, guadagno fino a quando mi conviene, quando non mi conviene più lascio tutti al buio, perché mi gira così.

Sappiamo invece tutti, che chi gestisce qualcosa di alto valore e d'interesse pubblico: servizi sanitari, smaltimento rifiuti, produzione energia, ecc...
...deve interagire con i governi, le autorità locali, ecc... ecc...

Internet funziona nello stesso modo. Non è di nessuno, è sostanzialmente decentralizzata ed è ad accesso "anonimo", tramite l'IP che può essere offuscato dietro TOR diventando l'equivalente di un indirizzo bitcoin . Non è di fatto regolamentata tant'è vero che esiste una sua intera "sezione", il dark web basato su attività spesso illegali, senza che nessun governo o organo di polizia sia riuscito finora ad impedirne il funzionamento. Eppure è stata una delle prime tre innovazioni della storia dell'umanità e nessuno si sogna oggi di bandirne il funzionamento, a parte Stati dittatoriali che sono poi gli stessi che parlano di bandire bitcoin

Quote
In primis il fatto che bisogna usare sistemi complicati e scomodi wallet per la conservazione che limitano l'uso e la facilità d'uso e quindi la diffusione; perché i Bitcoin & Co. sono come le monete nel deposito di Zio Paperone, sono del primo che se le piglia.

E' una caratteristica definita nel whitepaper, si tratta di "digital cash" ossia di contante. Essendo contante, quando ne perdi il controllo, ne perdi il valore come quando perdi il portafoglio che hai in tasca.
Se vuoi puoi affidarti a servizi terzi di custodia (esistono anche banche che fanno questo servizio, sia pur non ancora in Italia) ma devi fidarti come sempre quando dai il controllo della tua moneta a qualcun altro.

Quote

Nonché vivere un po' con il patema d'animo che ci sia un crollo delle quotazioni... perché ovviamente l'eccesso di ribasso e l'eccesso di rialzo non sono affatto controllati... non esiste nessun limite.
Bitcoin e l'intero mondo cripto, è stato, ed è oggetto, della più feroce e sfrenata speculazione, di tutti i tipi.

Un pò come tutte le tecnologie emergenti, rischiose ma promettenti. Esistono poi momenti come quello attuale nei quali la volatilità (e in alcuni casi il grado di rischio) di bitcoin è inferiore a molti investimenti tradizionali.







Non tenete in euro più soldi di quelli che siete disposti a perdere.
www.bitcoinedintorni.org
jack0m
Legendary
*
Offline Offline

Activity: 1848
Merit: 1050


View Profile
June 09, 2018, 09:37:51 PM
 #9194


Le blockchain private e quelle pubbliche (basate su token e mining) hanno caratteristiche e finalità molto diverse, e non è detto che  debbano farsi per forza concorrenza anzi è presumibile che, se entrambe avranno successo, potranno convivere  in futuro così come oggi coesiste Internet accanto alle LAN private.

In ogni caso, se le blockchain pubbliche hanno ancora molto da dimostrare rispetto agli annunci fatti, quelle private hanno praticamente ancora tutto da dimostrare visto che secondo molti, compreso me, sono  spesso dei cloni di database distribuiti con un pò di infarinatura di crittografia e una bella iniezione di fuffa da marketing.

Ad esempio è indiscrezione di questi giorni che R3, il più grosso consorzio di banche e aziende per finanziare l'uso di blockchain (permissioned e private) sia a corto di denaro nonostante negli ultimi anni abbia raccolto finanziamenti per oltre 100 milioni di dollari.

http://fortune.com/2018/06/07/blockchain-firm-r3-is-running-out-of-money-sources-say/



Tutti i progetti blockchain hanno da dimostrare se sono validi o meno.

Il fatto però è uno, Bitcoin et similia, sono di tutti e non sono di nessuno.

Prendiamola lato miner; se domani per convenienza, per un cataclisma, per una guerra,
qualcuno perde il suo costoso hardware... fatti suoi, se ne va con tanti saluti, una stretta di mano
e la scatola omaggio del Monopoly.

Esiste una associazione, vera e seria, che tutela i minatori?
esiste una legislazione diritti/doveri?

È come se io voglio fare una centrale elettrica, guadagno fino a quando mi conviene, quando non mi conviene più lascio tutti al buio, perché mi gira così.

Sappiamo invece tutti, che chi gestisce qualcosa di alto valore e d'interesse pubblico: servizi sanitari, smaltimento rifiuti, produzione energia, ecc...
...deve interagire con i governi, le autorità locali, ecc... ecc...

Perché se è giusto dare possibilità e guadagni agli imprenditori, dall'altra bisogna avere una tutela per attività che sono di interesse pubblico.
Le grandi concessioni: io investo e tu mi garantisci il mio guadagno, io ti garantisco continuità e qualità di servizio.

In Bitcoin e nel mondo cripto attuale tutto questo non c'è, siamo né più e né meno al codice d'onore dei pirati con tutto quello che ne è venuto fuori.
In primis il fatto che bisogna usare sistemi complicati e scomodi wallet per la conservazione che limitano l'uso e la facilità d'uso e quindi la diffusione; perché i Bitcoin & Co. sono come le monete nel deposito di Zio Paperone, sono del primo che se le piglia.
I paper wallet seguono pari pari il concetto piratesco del: nascondo il forziere con i dobloni d'oro, ma mi faccio la mappa per ritrovarli.

Nonché un sistema di prudenza verso gli exchange, nessuna persona di buon senso accorta, lascerebbe milioni in criptovalute su un exchange, anche noto, non si sa mai...

Nonché vivere un po' con il patema d'animo che ci sia un crollo delle quotazioni... perché ovviamente l'eccesso di ribasso e l'eccesso di rialzo non sono affatto controllati... non esiste nessun limite.
Bitcoin e l'intero mondo cripto, è stato, ed è oggetto, della più feroce e sfrenata speculazione, di tutti i tipi.

Meno male che Bitcoin si basa sulla fiducia...  Roll Eyes
...se si basava sulla sfiducia, c'era la terza guerra mondiale.


Il mondo istituzionale fino ad ora non ha normato, molti hanno esultato, ma... dicevano i latini, dividi et impera, probabilmente lo hanno fatto deliberatamente nella speranza che il sistema si autodistruggesse, come un vecchio capitano la cui ciurma si sia ammutinata ed aspetta che la nave se ne vada contro gli scogli, alla deriva senza governo. Per recuperare quel che c'è da recuperare e ripartire.


Si è fatto il facile e banale assioma: decentralizzazione = deregolamentazione.

Come si può pensare di aumentare o stabilizzare un valore senza regole ?

Per inciso, qual è la fetta di mercato più grande per Bitcoin ? quello Giapponese; Giappone il primo paese a dare un riconoscimento ufficiale e un minimo di regolamentazione.


guarda al lato positivo della cosa: le crittovalute sono il laboratorio ideale per testare la validità delle idee libertarie-anarco-capitaliste più spinte, secondo le quali il mercato si autoregola senza bisogno di interferenze esterne da parte di istituzioni e organismi di controllo. I dati finora dicono che, in assenza di vincoli, lo stato del sistema tende ad evolvere verso una ricchezza sempre più concentrata nelle mani di pochi, con un divario crescente tra poche balene super-ricche e un mare di plancton insignificante, con buona pace di chi sostiene che il punto di equilibrio sia una distribuzione più o meno uniforme e una concorrenza perfetta.
La cosa interessante è che molti sostengono che lo stesso processo (concentrazione della ricchezza, ampliamento della forbice tra ricchi e poveri) sia inesorabilmente in atto anche nel mondo "reale", con la sua finanza tradizionale pur soggetta a regolamentazione.
Forse allora andrebbe chiarito meglio come lo si vuole regolare il mercato, se si vuole garantire che le tutele offerte ai privati cittadini non siano solo di facciata, ma si estendano fino a impedire l'abuso del potere economico detenuto da élite dominanti, ma qui si entrerebbe in un discorso lungo e piuttosto OT.


EDIT: riflessione a voce alta
dovrei parlare di cose più semplici e brevi, tipo dire che un certo tizio, CEO di chissà quale azienda importante,
ha detto che nel 2023 il Bitcoin arriverà a $ 100.000 e nel 2028 a $ 500.000.


perché aspettare fino al 2028 se c'è chi ha scommesso l'uccello (letteralmente) che arriverà ad 1 milione entro il 2020?

Never ascribe to malice that which can be explained by incompetence.
lukax8
Sr. Member
****
Offline Offline

Activity: 952
Merit: 267


View Profile
June 09, 2018, 10:12:37 PM
 #9195


perché aspettare fino al 2028 se c'è chi ha scommesso l'uccello (letteralmente) che arriverà ad 1 milione entro il 2020?

mi pare che il signor antivirus abbia ritrattato qualche valore, forse si è reso conto di aver sparato troppo alto  Grin
Neo_Coin
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 672
Merit: 166


"Be Your Own Bank"


View Profile
June 09, 2018, 10:24:02 PM
 #9196

The Satoshi revolution:     

https://news.bitcoin.com/wendy-mcelroy-a-dazzling-explosion-of-spontaneous-order/?utm_source=Wendy%20McElroy%3A%20A%20Dazzling&utm_medium=telegram&utm_campaign=Telegram%20Channel

- "Le decisioni giuste vengono dall'esperienza. L'esperienza viene dalle decisioni sbagliate".
Neo_Coin
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 672
Merit: 166


"Be Your Own Bank"


View Profile
June 09, 2018, 10:36:33 PM
 #9197

...............
guarda al lato positivo della cosa: le crittovalute sono il laboratorio ideale per testare la validità delle idee libertarie-anarco-capitaliste più spinte, secondo le quali il mercato si autoregola senza bisogno di interferenze esterne da parte di istituzioni e organismi di controllo. I dati finora dicono che, in assenza di vincoli, lo stato del sistema tende ad evolvere verso una ricchezza sempre più concentrata nelle mani di pochi, con un divario crescente tra poche balene super-ricche e un mare di plancton insignificante, con buona pace di chi sostiene che il punto di equilibrio sia una distribuzione più o meno uniforme e una concorrenza perfetta.

La cosa interessante è che molti sostengono che lo stesso processo (concentrazione della ricchezza, ampliamento della forbice tra ricchi e poveri) sia inesorabilmente in atto anche nel mondo "reale", con la sua finanza tradizionale pur soggetta a regolamentazione.

Forse allora andrebbe chiarito meglio come lo si vuole regolare il mercato, se si vuole garantire che le tutele offerte ai privati cittadini non siano solo di facciata, ma si estendano fino a impedire l'abuso del potere economico detenuto da élite dominanti, ma qui si entrerebbe in un discorso lungo e piuttosto OT.


Perfettamente d'accordo. E non è solo per la regolamentazione, allargandolo diventa la base di tutto il discorso dei bitcoin e delle cryptovalute che non può essere relegato solo al trading o a una previsione di mercato.

- "Le decisioni giuste vengono dall'esperienza. L'esperienza viene dalle decisioni sbagliate".
Paolo.Demidov
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 532
Merit: 244


View Profile
June 09, 2018, 10:38:49 PM
 #9198


La rete bitcoin esiste da quasi 10 anni in cui ha funzionato ininterrottamente (ad eccezione del bug del 15/08/2010) movimentando l'equivalente di miliardi di dollari. Nonostante sia una rete ad accesso completamente pubblico in questi dieci anni non è ad oggi mai stata hackerata (a differenza di qualsiasi altro sistema finanziario tradizionale). E' nata negli ambienti cypherpunk e senza alcuna ICO, di fatto a costo iniziale di rilascio quasi pari a zero (come un altro progetto opensource come Linux). Mi pare ci sia un pò di differenza tra questo risultato e quello delle blockchain private che finora, salvo rarissime eccezioni, hanno soprattutto  dilapidato fondi di chi ci ha investito senza risultati realmente tangibili.


Un pò come tutte le tecnologie emergenti, rischiose ma promettenti. Esistono poi momenti come quello attuale nei quali la volatilità (e in alcuni casi il grado di rischio) di bitcoin è inferiore a molti investimenti tradizionali.


Non volevo fare nessun tipo di confronto, o dire che le blockchain private siano meglio di quelle pubbliche.


Volevo solo significare, in estrema sintesi che chi investe in questo settore dovrebbe essere consapevole che non c'è nessuna garanzia. Di nessun tipo.

Bisogna anche evidenziare che rispetto ad un gruppo eterogeneo, non coordinato, non regolamentato, una società o gruppo di società che potesse investire in tecnologia e sviluppare un progetto blockchain privato, potrebbe facilmente superare e scalzare tutte le blockchain esistenti.
Non solo per supremazia tecnolgica o economica, ma come maggiore credibilità, affidabilità, autorevolezza.


Non avrei molto da aggiungere, se si parla di lungo termine conosco società che distribuiscono dividendi ai propri azioni da oltre 60 anni; avendo operato in scenari estremamente avversi.
Volendo si può alzare l'asticella, conosco sistemi economici che funzionano da 600 anni, altri addirittura da 1.000, sempre ininterrottamente.

Sulla base di questo se dovessi suggerire ad un ipotetico investitore uno strumento finanziario, o un asset su cui investire, un periodo di osservazione di 10 anni, sarebbe insufficiente per farmi dire, investa tranquillo.

Quanto meno sarebbe una cosa su cui chi investe, dovrebbe avere coscienza di rischiare molto.

Gli investimenti tradizionali, se per tradizionali ci mettiamo azioni, obbligazioni, materie prime...
...direi che hanno volatilità estremamente inferiore a Bitcoin, se mai non lo fosse, sarebbe volatilità gestibile, contenibile.

Se per investimenti tradizionali, si intendono tutti quelli strumenti che consentono la costituzione di alcuni tipi di rendite, allora... beh... questi strumenti la volatilità non ce l'hanno proprio.


...è difficile competere in quei sistemi dove ci sono più ladri che cose da rubare
Speculatoross
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 364
Merit: 228


this is not a bounty avatar


View Profile
June 09, 2018, 10:39:44 PM
 #9199


Esiste una associazione, vera e seria, che tutela i minatori?
esiste una legislazione diritti/doveri?


Sappiamo invece tutti, che chi gestisce qualcosa di alto valore e d'interesse pubblico: servizi sanitari, smaltimento rifiuti, produzione energia, ecc...
...deve interagire con i governi, le autorità locali, ecc... ecc...

Perché se è giusto dare possibilità e guadagni agli imprenditori, dall'altra bisogna avere una tutela per attività che sono di interesse pubblico.
Le grandi concessioni: io investo e tu mi garantisci il mio guadagno, io ti garantisco continuità e qualità di servizio.



Si è fatto il facile e banale assioma: decentralizzazione = deregolamentazione.

Come si può pensare di aumentare o stabilizzare un valore senza regole ?

Regolamentare deve significare però proprio quello che scrivi tu, "entrambe le direzioni", diritti/doveri.

La "voglia" di fermarsi all'assioma decentralizzazione = deregolamentazione, nasce per me esclusivamente dal modo in cui viene affrontato il problema:

Da un lato, un mondo di utilizzatori/utenti/cittadini che ha abbracciato un nuovo sistema/metodo di pagamento/scambio valori... nato da una filosofia di "libertà", decentralizzazione.... (forse già dimostratasi "vecchia" / utopica?).... sistema che però un po' scricchiola come diffusione, e problemi di fiducia, e gli exchange, e gli hack e gli scam.... dai, magari un po di regolamentazione farebbe comodo.

Dall'altro lato, il mondo istituzionale, che quando si affaccia a questo mondo ha giusto tre posizioni:
- Tutto fuffa/bolla/fuggite sciocchi
- Demonizzazione dell'anonimato--> se serve regole intanto kyc
- Focus evasione --> se serve regole intanto facciamo che dichiari e paghi tot (es il famoso 26% oltre i 51k) imposte (no tasse, no servizio in cambio)

Almeno queste sono le uniche tipologie di notizie/affermazioni/posizioni che leggo, mai visto una proposta seria di regolamentazione che parlasse anche di assicurazioni, tutele, servizi ecc



guarda al lato positivo della cosa: le crittovalute sono il laboratorio ideale per testare la validità delle idee libertarie-anarco-capitaliste più spinte, secondo le quali il mercato si autoregola senza bisogno di interferenze esterne da parte di istituzioni e organismi di controllo. I dati finora dicono che, in assenza di vincoli, lo stato del sistema tende ad evolvere verso una ricchezza sempre più concentrata nelle mani di pochi, con un divario crescente tra poche balene super-ricche e un mare di plancton insignificante, con buona pace di chi sostiene che il punto di equilibrio sia una distribuzione più o meno uniforme e una concorrenza perfetta.
La cosa interessante è che molti sostengono che lo stesso processo (concentrazione della ricchezza, ampliamento della forbice tra ricchi e poveri) sia inesorabilmente in atto anche nel mondo "reale", con la sua finanza tradizionale pur soggetta a regolamentazione.
Forse allora andrebbe chiarito meglio come lo si vuole regolare il mercato, se si vuole garantire che le tutele offerte ai privati cittadini non siano solo di facciata, ma si estendano fino a impedire l'abuso del potere economico detenuto da élite dominanti, ma qui si entrerebbe in un discorso lungo e piuttosto OT.

Nah, nella realtà per me è un concetto che non funziona la famosa mano invisibile di Smith
Ad ogni modo, credo che i dati finora dicono quello che scrivi tu, ma considera che "la partita non è iniziata ad armi pari" e dunque era prevedibile che non si raggiungesse una distribuzione equilibrata ma piuttosto una centralizzazione della ricchezza.
Con ciò intendo non (solamente) che i partecipanti abbiano iniziato già con una distribuzione di capitali centralizzata, quanto piuttosto che a questi dati manca l'analisi di tutta quella parte di 1)competenze ed 2)emotività che ha influenzato questi primi 10 anni di nuovo mondo di mercato decentralizzato globale e accessibile a tutti.
Si è arrivati a questa distribuzione della ricchezza perchè da un lato c'è chi gioca la partita con strategia, dall'altro c'è chi di panic selling e improvvisazione passa la propria ricchezza ai primi.

Ma appunto si divaga e si va OT:)



Neo_Coin
Full Member
***
Offline Offline

Activity: 672
Merit: 166


"Be Your Own Bank"


View Profile
June 10, 2018, 05:50:47 PM
 #9200

Ci siamo, il tanto atteso tuffo è arrivato adesso a 6,6k.  Se arriva verso 6,2k incomincio a comprare una quota di cheap coin

 Wink Wink

- "Le decisioni giuste vengono dall'esperienza. L'esperienza viene dalle decisioni sbagliate".
Pages: « 1 ... 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 [460] 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 ... 602 »
  Print  
 
Jump to:  

Sponsored by , a Bitcoin-accepting VPN.
Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines Valid XHTML 1.0! Valid CSS!